|Home |Chi sono |A Chi mi rivolgo          

 

Voce nel bambino, nell'adulto e nel professionista vocale non artistico

 

BALBUZIE    Scuola   posturale  

sigmatismo  deglutizione  Pronuncia  

 ATTORE   DEFICIT FONETICO   Coro 

    Articolazione  CANTO   ROTACISMO  

 

  • Voce nel bambino - La Logopedia quando?

Quando l'abbassamento, il cambiamento o la perdita di voce nel bambino non è un episodio occasionale ma il sintomo di una patologia

Quando l'abbassamento, il cambiamento o la perdita di voce nel bambino non è un episodio occasionale ma il sintomo

di una patologia.

La DISFONIA INFANTILE può essere dovuta a:

            • cause organiche congenite: malformazioni anatomiche a carico della laringe.
            • cause organiche acquisite: eventi infiammatori o infettivi, traumi laringei, neoplasie, paralisi delle corde vocali,
              eventi cicatriziali dopo intervento ch, cc.
            • cause funzionali a esito organico: il persistere di comportamenti vocali scorretti che portano al formarsi di
              noduli, polipi,ecc.

             

             

           

La disfonia funzionale o disfonia cronica infantile

             
 
Fattori di rischio
Elementi che aggravano il rischio
Fattori scatenanti
 

 

L'abuso vocale famigliare per errate abitudini comunicative, condizioni abitative, inquinamento acustico.

I modelli scorretti di comportamento vocale (familiari, scolastici, televisivi/sociali).

La competitività verbale vocale in famiglia e con i coetanei.

 

 

Le situazioni conflittuali in famiglia.

L'estrema competitività e aggressività.

La scarsa autostima.

 

 

 

L'abituale abuso di intensità.

Le patologie infiammatorie delle alte vie.

L'inquinamento ambientale.

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

  • Voce nell'adulto - La Logopedia quando?

 

Quando l'abbassamento, il cambiamento o la perdita di voce nell'adulto non è un episodio occasionale ma il sintomo di una patologia.

 

Quando l'abbassamento, il cambiamento o la perdita di voce nell'adulto non è un episodio occasionale ma il sintomo di

una patologia.

 

SINTOMI PERCETTIVI DELLE DISFONIE: voce afona, soffiata, pressata, aspra, tesa, ingolata, strozzata, intubata,

schiacciata, gridata, sussurrata, gridata, urlata, sussurrata, bisbigliata, rinolalia, ecc.

     

     

Tipologia delle disfonie

                 
 
Disfonie organiche
Disfonie Funzionali
Disfonie disfunzionali pure
Disfonie disfunzionali a esito organico
 
 

 

Alterazioni qualitative e quantitative della voce parlata causate da malformazioni congenite, patologie infiammatorie (laringiti), patologia tumorale, patologie endocrine (vd. ipo/ipertiroidismo, alterazioni organiche della muta), patologia neurologica (es disfonia da sindrome, da paralisi delle cv), insufficienza respiratoria, ecc.

 

 

Alterazioni di uno o più parametri della voce parlata in seguito a malessere psichico (es .disfonie psicogene, disturbi funzionali della muta vocale).

 

 

 

Alterazioni delle caratteristiche qualitative e quantitative della voce parlata per un utilizzo scorretto dell'apparato vocale (vd. disfonia ipercinetica e disfonia ipocinetica).

 

 

 

 

Alterazioni delle caratteristiche qualitative e quantitative della voce parlata per il persistere di un comportamento vocale scorretto (abuso e maluso vocale) a sua volta responsabile della formazione di noduli, polipi, edemi, cisti intracordali, granulomi, ulcera di contatto.

 

 

 

 

 

 

 

  • Voce nel professionista vocale non artistico - La Logopedia quando?

 

 

Quando il professionista vocale non artistico (INSEGNANTE – VENDITORE – AVVOCATO – ORATORE – MANAGER - GIORNALISTA, ecc) presenta problemi di riabilitazione dovuti a: stato di affaticamento vocale, processi infiammatori laringei, lesioni organiche delle corde vocali (vd. noduli, edemi, polipi), patologie anche organiche per alterazione posturale durante la fonazione vuole prevenire i rischi e le patologie vocali relative al carico professionale specifico con un'adeguata igiene vocale, una giusta coordinazione pneumo-fonica, un corretto aggiustamento posturale e un'abilità di autoascolto avverte il bisogno di migliorare e potenziare le doti personali in tema di voce parlata desidera saper gestire in maniera economica ma efficace la propria voce. Quando il professionista vocale non artistico (INSEGNANTEVENDITOREAVVOCATOORATOREMANAGER - GIORNALISTA, ecc)

            • presenta problemi di riabilitazione dovuti a: stato di affaticamento vocale, processi infiammatori laringei, lesioni organiche delle corde vocali (vd. noduli, edemi, polipi), patologie anche organiche per alterazione posturale durante la fonazione.
            • vuole prevenire i rischi e le patologie vocali relative al carico professionale specifico con un'adeguata igiene vocale, una giusta coordinazione pneumo-fonica, un corretto aggiustamento posturale e un'abilità di autoascolto.
            • avverte il bisogno di migliorare e potenziare le doti personali in tema di voce parlata.
            • desidera saper gestire in maniera economica ma efficace la propria voce.

             

 
|Copyright 2009/12 |P.IVA 02385810128