|Home |Chi sono |A Chi mi rivolgo          

 

Logopedia e Linguaggio nel bambino e nell'adulto

 

 CALCOLO     VOCE     FONAZIONE   

SCRITTURA   DISLESSIA   LETTURA   

SCUOLA     corde vocali    DISFAGIA   

disfonia   disortografia   deglutizione   

 

Linguaggio nel bambino

La Logopedia quando?

 

Quando il bambino in assenza di deficit neurologico, sensoriale, cognitivo e relazionale inizia a Linguaggio nel bambino - La Logopedia quando? parlare tardi (cioè a partire dai 2/ 3 anni), utilizza poche parole e non le combina in una frase; al contrario ha una buona abilità di comprensione.

RITARDO EVOLUTIVO SEMPLICE

 

Quando il bambino in assenza di deficit neurologico, sensoriale, cognitivo e relazionale dopo i 4 anni ha difficoltà nella produzione dei suoni (deficit fonetico) e nella loro combinazione all’interno della parola (deficit fonologico). DISORDINE FONOLOGICO

 

Quando il bambino in assenza di deficit neurologico, sensoriale, cognitivo e relazionale dopo i 3 anni presenta disturbi importanti nella pronuncia delle parole, nel lessico, nella strutturazione evoluta e corretta delle frasi e/o nella comprensione del linguaggio. DISTURBO SPECIFICO DI LINGUAGGIO

 

Quando il bambino in presenza di problema organico-articolatorio, non produce correttamente alcuni suoni (vd. anomalie congenite degli organi fono-articolatori o secondarie a interventi chirurgici, ecc) DISORDINE DELL’ARTICOLAZIONE

Linguaggio nel bambino - La Logopedia quando?

 

Quando il bambino parlando compie involontarie interruzioni, prolungamenti di suoni e/o ripetizioni di parti di parole. A volte associa sforzo e tensione muscolare in alcune parti del corpo. BALBUZIE

 

Quando il bambino presenta un disturbo di comunicazione verbale e non verbale associato a deficit di simbolizzazione e di relazione.

DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO

 

Quando il bambino presenta un disturbo del linguaggio secondario a deficit neuromotorio, neurosensoriale e cognitivo (vd. disartria, cerebrolesione, sindromi varie, ipoacusia, ritardo mentale, ecc.) DISTURBI DI LINGUAGGIO SECONDARI

 

Linguaggio nell'adulto

La Logopedia quando?

 

Quando in seguito a ictus, trauma cranico o intervento neurochirurgico a carico dell’emisfero dominante viene compromessa in forme diverse l’abilità di comunicazione ossia l’abilità di comprensione orale e scritta e di espressione orale e scritta. AFASIA

Linguaggio nell'adulto - La Logopedia quando?

Quando in seguito a lesione di origine centrale viene compromessa l’abilità di programmazione motoria articolatoria fino ad arrivare all’assenza di linguaggio.

ANARTRIA o APRASSIA VERBALE

 

 

Quando in seguito a lesione di origine centrale viene compromessa l’articolazione, il ritmo della parola e il timbro vocale.

DISARTRIA

 

 

Quando durante l’eloquio l’adulto compie involontarie interruzioni, prolungamenti di suoni e/o ripetizioni di parti di parole. A volte associa sforzo e tensione muscolare in alcuni distretti del corpo. BALBUZIE

 

 

Quando in età adulta permangono disturbi di pronuncia non risolti (vd.rotacismo, sigmatismo,ecc.). DISTURBO FONETICO

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

|Copyright 2009/12 |P.IVA 02385810128